Monthly Archive for Ottobre 2006

1 a 0 per me?


Generalmente non uso il blog per parlare molto dei miei stati d?animo, soprattutto quelli più profondi che tendo (come chiunque altro,credo) a tenere nascosti, ma oggi è diverso!
Mi sento strana, mi sento come seguita, spiata, giudicata.
Non saprei come descrivere esattamente la sensazione che provo ma è all?incirca come quando si passa davanti a un mucchio di persone e tutti hanno gli occhi e il dito puntati verso te.
Ecco è questa la sensazione! Fastidiosa!
Mi viene voglia di urlare in queste occasioni.
(forse sono pazza, tutto qua), ad ogni modo sorvoliamo sulla questione anche perché non mi piace molto parlare di come mi sento non ci sono abituati, figurarsi in un blog.

E di che parlo allora?
Mah proviamo a parlare di Dianamicio visto che benché abbia persino un blog in suo onore non ne parlo molto.
Oggi ne ha combinata un?altra delle sue, ha scavato un buco in cortile (poveretta vero? Chissà a chi è toccato poi tapparlo!).
Era felice lei, correva allegra scavando fosse in tutto il cortile e poi insieme a Lilù ha rubato una saponetta (chissà da dove cavolo l?ha presa!) e l?hanno mangiuchiatta (posso solo immaginare che bontà).
Mi sa che devo mettere Diana a dieta, tutti a casa la trovano un po? grassottella, ma io al contrario la trovo così bella pafuttella che ogni volta la bacio sempre e lei per ricambiare mi sbava e mi riempie i vestiti di peli.
Oltre questo parliamo un po? di università, dunque dunque diciamo chiaramente che finalmente vado all?ora che voglio e se non voglio ascoltare una lezione prendo i piedi e me ne vado tranquillamente (altro che superiori), beh di certo il mazzo da studiare c?è però almeno sono materie che si possono facilmente collegare tra di loro senza fare pasticci come alle superiori che mentre studi Pasolini devi pure studiare gli antibiotici e lo stato di Israele (tutte cose che non c?entrano nulla l?una con l?altra), insomma un mix di argomenti che si annullano a vicenda.
Ho esami a fine Novembre e devo iniziare a studiare, non sembrano molto difficili anzi è solo che sono pallosi e forse è quello l?unico ostacolo.
Devo studiare, non posso fare come sempre ho fatto e cioè studiare due giorni prima.

28 Ottobre (sembra estate)


Ho lavato roba e poi l’ho stesa.
Ho messo in ordire, pulito e lavato il bagno.
Ho pulito la cucina.
Un caldo insopportabile!
Siamo al 28 Ottobre e c?è caldo, troppo caldo per essere autunno sembra estate.
Mentre pulivo avevo la finestra aperta, entrava aria? ARIA CALDA!!!
Ieri in pullman per fare il tragitto cittadella piazza Matteotti mi stavo per sentire male, ogni tanto avevo picchi di vampate di caldo tremende. Nel sole non ci puoi rimanere più di 15 minuti dopo le 11 del mattino. Fa troppo caldo!!!
Bevo in continuazione acqua (tutto questo caldo fa venire sete)… Poi devo cercare un bagno per fare pipì!
Ma anche la sera non scherza, stò uscendo con magliettine a maniche corte, beh l?abbronzatura ormai è bella che sparita però anche la sera c?è caldo.
Prima pensavo che non è una cattiva idea andare la mare, un pò di colorito male non mi fa!
In cortile abbiamo dei termometri che segnano la temperatura. Sono andata a guardare?.

Giudicate voi il caldo che c?è!

Certo non sono proprio precisi ma la differenza che c?è tra i due non cambia molto.

… NIMMISTICA ….


  • Si spedisce per ricordo… ORECCHIO

  • È famoso quello di troia… FIGLIO
  • Si fa dopo un litigio… AUTOPSIA
  • Simile ad una monovolume… PLATINETTE
  • Si mette durante il sorpasso…IL DITO MEDIO
  • Si dice entrando… MANI IN ALTO
  • Complesso d’inferiorità… I POOH
  • Il nome greco di Mercurio… CROMO
  • Balla coi lupi… MIOPE
  • Il mitico CE’… POSTA PER TE
  • Vicino a Cuba… LIBRE
  • Si cambia per la paura… MUTANDA
  • Unità di misura del buio… METRONOTTE
  • Si occupa di import-export… CAMORRA
  • Fa coppia con Romeo… ALFA, avanzano tre caselle… ALFETTA
  • L’accompagna il dolce…GABBANA
  • Pagamento regolare… PIZZO
  • Sport che si pratica allungando le braccia…SCIPPO
  • Si fa al mercato… PORTAFOGLIO
  • Un gioco da ragazzi… FIATUNO
  • Battono con il freddo… TRANS SIBERIANI
  • La ripete il bocciato… BESTEMMIA
  • L’indimenticabile totò… RIINA
  • Proviene da una buona famiglia… OSTAGGIO
  • La si tenta con la respirazione bocca a bocca…SLINGUATA
  • Si alza durante le discussioni… CRIC
  • È obbligatorio sulla moto… IMPENNARE
  • Picchiato di santa ragione… AVVISATO
  • Fa coppia con Ric… …CHIONE
  • Può causare esaurimento nervoso…L’INTER
  • Costano ma confortano… BUTTANE
  • Si indossa nelle grandi occasioni…PASSAMONTAGNA
  • Dare e avere… SPACCIARE
  • Uguale alla colla… SUOCERA
  • Ha uno spiccato senso degli affari…RICATTATORE
  • Nel parco e nei giardini… DROGATI
  • Si apre in banca… FUOCO
  • Stende il bucato… OVERDOSE

    Il comico di Zelig che con la sua Nimmistica ha fatto il giro d’Italia. Si tratta di Claudio Batta e questa è qualche piccola battuta tratta dal suo libro.
    Io personalmente lo adoro.

  • Il taglio di capelli


    Scegliere il proprio taglio di capelli è molto difficile. Lungo, corto, medio è sempre un dramma, soprattutto perché non si sa mai come potrebbe essere il risultato.
    Ecco perché io è da diversi anni che non vado dal parrucchiere.

    E i capelli? Li tagliavo io.

    Certo non nego che molte volte mi sono fatta in testa tagli orribili, ma altre volte ,invece, mi hanno persino fatto i complimenti per la mia ?bravura? con le forbici. Io e i parrucchieri non andiamo molto d?accordo, anzi!Dico loro che voglio un taglio e loro me ne fanno un altro.
    Poi ogni anno salta fuori un taglio di capelli nuovo, una nuova moda e tutti i parrucchieri sfornano cloni di ragazze con lo stesso taglio di capelli copiato da donne dello spettacolo.
    (Non bastava vedere che le ragazze si vestono tutte uguali, anche il taglio di capelli va a farsi friggere).
    Non c?è nulla di peggio che seguire la moda.
    Lasciarci guidare dalla moda nella scelta del nostro taglio di capelli è da sciocchi anche, perché seppur di moda (il taglio), non a tutti si addice. Piuttosto, bisogna saper scegliere il proprio taglio in base alla forma del viso e penso sia anche più carino vedere un pizzico di personalità nella nuova acconciattura.

    Da poco (la settimana scorsa) sono andata, dopo tanto tempo, dalla parrucchiera ho pagato 30 euro, diciamo che il lavoro non era di certo come me lo sarei aspettata però meglio di prima sicuramente?..

    Foto: i miei capelli prima di tagliarli

    Lo so io, signora maestra, lo so io!


    Non so esattamente come mai, ma quando ero alle elementari e la maestra chiedeva :? Chi lo sa?? C?era sempre la solita persona che alzava la mano, la muoveva e con un mezzo sorrisino (soddisfatto che nessuno, secondo lui, sapeva la risposta) cercava di attirare al massimo l?attenzione della maestra per far vedere a tutti che sapeva, e lo faceva con la solita frase:?Lo so io, signora maestra, lo so io!?
    Grrr ogni volta che assistivo a scene del genere mi veniva voglia di lanciarli sempre le mie matite o il mio astuccio, o direttamente lo zainetto.

    Cazzo che fastidio!

    PoiGuardavo sempre la faccia che facevano dopo aver risposto: una faccia da cazzo assoluto, un sorriso da coglione/a e un colorito da peperone (l?emozione).
    La mia non era invidia perché molte volte rispondevo pure io, ma di certo senza bisogno di fare tutta questa fanfara, normalmente alzavo la mano e se la maestra mi indicava aprivo bocca altrimenti stavo tranquilla senza mangiarmi il fegato per non esser riuscita a rispondere alla domanda.
    Capitava molte altre volte che i miei compagni sbagliavano e io che dentro di me godevo perché si credevano tanto saputelli ma hihihihi alla fine ci rimanevano male.

    Scrivo questo perché ieri è successa una cosa simile in facoltà.
    Mentre quella di chimica diceva che per lei i chimici fanno le torte ha poi chiesto chi di noi sapeva farle (le torte) e persone hanno alzato la mano allo stesso modo di come lo fa un bimbo alle elementari.

    Che tremendo fastidio, un orrendo flashback è apparso ai miei occhi, un senso di disgusto.
    Naturale mi è venuto da fare una faccia abbastanza disgustata!

    Domanda e risposta


    Parlando con amici/che mi pongono quasi tutti la stessa domanda:?Ma perché ti sei iscritta all?università se non ti piace studiare??

    Non credo che esista solo l?opzione ?VADO ALL?UNIVERSITA? PERCHE? MI PIACE STUDIARE?, credo che ogniuno lo faccia per i motivi più disparati.

    Io odio studiare.
    Tuttavia ci provo, ed elenco i mie tre (per me validi) motivi che mi hanno spinto ad iscrivermi all?università:

    1) Mi hanno sempre dato della stupida da quando ero piccola (e un po? mi sono convinta pure io) i miei professori delle elementari soltanto perché non provavo interesse nelle cose che spiegavano e perché non sono mai stata ?la studentessa modello?. Dunque laurearmi mi convince definitivamente che in realtà stupida non sono.

    2) Ormai lo sappiamo tutti il solo diploma non ti offre buone opportunità di lavoro.
    Diciamolo così papale papale: il diploma non serve a nulla. Forse gli unici lavori (per quanto rispettosi anch?essi) sono fare la babysitter, lavorare come cameriera, come donna delle pulizie ecc? Con tutto il rispetto per chi ha questo lavoro, io sinceramente aspiro ad altro.

    3) Ringrazio per la fortuna nell?avere la possibilità economica di potermi permettere di pagare gli studi. Purtroppo conosco gente che non riesce a mantenersi gli studi. Io ho questa possibilità e la sfrutto, anche per soddisfare i due motivi sopraccitati.

    Insomma cerco di crearmi un futuro, un futuro che mi dia la possibilità di vivere con un buon stipendio.

    Dovessi metterci trent?anni ma la laurea la prendo!

    Lezione di Botanica


    Tra chimica, matematica, fisica, zoologia e botanica per il momento l?unica che mi è sembrata interessante è stata zoologia ma la più pesante è botanica (du balle).
    Il professore è assurdo, l?aula gigante più di 100 ragazzi frequentanti e lui non mette il microfono per parlare? Le sue lezione le sente solo lui.
    L?altro giorno si è messo a fare l?appello ma nel mentre che chiamava le persone segnava pure che erano assenti e continuava l?appello senza dare il tempo a molte persone di rispondere.
    Chiama me:
    ? X Patrizia c?è??
    ?Si! Presente!?
    ?Bene X Patrizia è assente!?
    ?No scusi professore, sono presente sono qua!?
    -Chiama un?altra collega-
    ?Poi? X Manuela c?è??
    ?Si presente!?
    ?Bene X non c?è!?

    Dopo aver fatto svariati tentativi di attirare la sua attenzione mi sono alzata e sono andata da lui (dopo che aveva finito l?appello)

    ?Scusi professore?!?
    ?Professore?
    ?Professore?
    L?ho chiamato un paio di volte e lui nulla ED ERO AL MASSIMO UN METRO DA LUI, ERO PURE DAVANTI A LUI E LUI??? NON MI SENTIVA E NON MI GUARDAVA!
    Ritento:
    ?Professore!?
    ?Si dimmi!?
    Iuppy si è accorto che lo stavo chiamando
    ?Senta io sono X Patrizia, lei ha scritto che sono assente, ma in realtà sono presente!?
    ?Come scusi?
    -Ripeto la frase-
    E lui:
    ?Chi è lei??
    ?Sono X Patrizia?
    -Controlla l?elenco-
    “Non c?è X Patrizia?
    ?Si professore vede sono qua!?
    ?Ah ok, apposto così??
    ?Si grazie?

    Vado a sedermi cerco di ascoltare la lezione ma non si sentiva nulla, una collega ha chiesto se poteva mettere il microfono che non si sentiva nulla ma lui??? Nulla!
    Ecco cosa stavo facendo durante l?ora di lezione

    L’erba voglio non cresce neanche nel giardino del re…


    Voglio non parlare per un giorno intero;
    Voglio sparire per un giorno intero;
    Voglio vedere la vita con gli occhi di una malato terminale;
    Voglio conoscere i segreti della vita;
    Voglio non aver mai conosciuto la sofferenza;
    Voglio ridere a crepapelle per sempre;
    voglio riabbracciare i morti;
    Voglio riabbracciare mia madre e mia sorella;
    Voglio che la gravità non esista;
    Voglio sapere;
    Voglio che il sonno non esista;
    Voglio che gli animali parlino;
    Voglio poter leggere nel pensiero;
    Voglio che nulla girasse intorno ai soldi;
    Voglio mangiare dolciumi senza sentirmi male;
    Voglio che i telefoni cellulari non esistano;
    Voglio poter decidere io quando morire;
    Voglio oziare per un giorno intero;
    Voglio non avere nessun tipo di impegno per un giorno intero;
    Voglio una carnagione più scura;
    Voglio (dopo aver fatto una bella mangiata) sbottonarmi il primo bottone del pantalone, giocare liberamente con lo stuzzicadenti e fare il tanto desiderato rutto libero alla fantozzi senza che nessuno mi rimproveri;
    Voglio sputare in faccia a chi mi sta su cazzo;
    Voglio far scendere nel ridicolo chi mi sta sul cazzo;
    Voglio fare la maestra per un giorno;
    Voglio avere le conoscenze dei marinai;
    Voglio smetterla di fare figure di merda;
    Voglio essere nessuno;
    Voglio prendere a calci in culo i pedofili, gli stupratori, i molestatori, gli approfittatori, i politici, ricchi, i traditori, i criticoni; i giusti, i testimoni di geova;
    Voglio imparare dai miei errori;
    Voglio prendere a sassate Bin Laden;
    Voglio cavare gli occhi alla mia vicina di casa;
    Voglio smettere di fumare;
    Voglio conoscere Keanu Reeves, Jim Carey;
    Voglio fare paracadutismo;
    Voglio pilotare un aereo militare;
    Voglio salire in un sommergibile;
    Voglio dire meno parolacce;
    Voglio guardare negli occhi chi mi ha fatto del male;
    Voglio non avere il rancore;
    Voglio essere meno vendicativa;
    Voglio vivere un giorno la vita da cani;
    Voglio comprarmi una bici;
    Voglio leggere un libro senza saltare le pagine;
    Voglio essere meno stressata;
    Voglio ricordarmi la tabellina dell?otto;
    Voglio imparare la tabellina del sette (non l’ho mai imparata);
    Voglio essere finedicitore.

    Chi ha inventato cosa?


    Vi siete mai posti la domanda ?Chi ha inventato cosa??
    Nel senso di chi (essere umano) ha inventato cosa (questo oggetto)
    Se voi ancora non vi siete posti la domanda, io me la sono posta e da parecchio anche! Noi diamo per scontato determinate cose perché esistono da molto, ma questo oggetto se esiste è perché è stato pensato da qualcuno ed è qui che nasce la mia domanda, per esempio:

    Chi ha inventato il piega ciglia?
    Chi ha inventato lo spremi brufoli?
    Chi ha inventato la cannuccia?
    Chi ha inventato il filo spinato?
    Chi ha inventato l?ago?
    Chi ha inventato il pane? O meglio ancora chi ha avuto l?idea di venderlo già tagliato?
    Chi ha inventato il pettine?
    Chi ha inventato il cucchiaio?
    Chi ha inventato la forchetta?
    Chi ha inventato il cucchiaino?
    Chi ha inventato gli sci?
    Chi ha inventato le vernici?
    Chi ha inventato il gioco a dama? E gli scacchi?
    Chi ha inventato il bottone? E il bottone automatico?
    Chi ha inventato le forbici?
    Chi ha inventato la scuola? (domanda da cento milioni di dollari)
    Chi ha inventato i pattini sul ghiaccio?
    Chi ha inventato l?ombrello?
    Chi ha inventato il pallone?
    Chi ha inventato le dentiere?
    Chi ha inventato il dentifricio?
    Chi ha inventato i tappeti?
    Chi ha inventato le tinte per i capelli?
    Chi ha inventato i fornelli?
    Chi ha inventato gli accendini?
    Chi ha inventato le sigarette?
    Chi ha inventato il vocabolario? E L?enciclopedia?
    Chi ha inventato la carrozzella per gli invalidi? Le stampelle?
    Chi ha inventato lo shampoo? Il balsamo? Il bagnoschiuma?
    Chi ha inventato il forno?
    Chi ha inventato il phone?
    Chi ha inventato la sedia?
    Chi ha inventato il deodorante?
    Chi ha inventato il taglia unghie?
    Chi ha inventato i cotton fioc?
    Chi ha inventato la spugna?

    Ecco queste sono domande che mi sono posta, naturalmente non ci sono tutte e sono sicura che molte nascono dalla mia ignoranza sulla cultura generale.

    Ma a quanti oggetti hanno pensato gli esseri umani?

    Dimmi come dormi e ti dirò chi sei


    Secondo uno studio inglese, infatti, la posizione preferita per dormire è anche rivelatrice della personalità di un individuo. Chris Idzikowski, direttore dello Sleep Assessment and Advisory Service, istituto inglese di ricerca sul sonno, ha analizzato 6 delle più comuni posizioni in cui si dorme, arrivando a scoprire che ognuna è collegata a un particolare modo di essere, al suo vissuto, alle sue emozioni.
    Dunque anche quando il nostro corpo è abbandonato al morbido letto coperto dalle lenzuola, parla, rivelando gli aspetti segreti del nostro carattere.

    La posizione fetale:
    E’ senz?altro la più diffusa, ci si rannicchia su un fianco e ci si addormenta. E? la posizione prediletta soprattutto dalle donne, e ad assumerla sono persone che nonostante le apparenze sono timide e sensibili.

    Chi fa il pezzo di legno:
    (Riposare su un fianco con entrambe le braccia dallo stesso lato).
    E’ una persona alla mano ed estroversa.

    Il voglioso:
    Dorme su un fianco con le braccia protese in avanti, ed è una posizione tipica di chi è di larghe vedute, ma che può essere anche sospettoso e cinico.

    La posizione del soldato:
    (Dormire supini con le braccia distese lungo i fianchi)
    E’ propria delle persone quiete e riservate.

    La caduta libera:
    E’ quando si dorme a pancia sotto, con le braccia intorno al cuscino e la testa girata da un lato, ed è adottata da chi ama stare in gruppo, ma non sopporta le critiche.

    Infine
    A stella marina:
    (Dormire sulla schiena con le braccia distese a lato del cuscino).
    Si mettono quelli che sanno ascoltare gli altri e sono sempre disposti ad aiutare. Di solito non amano essere al centro dell’attenzione.

    Io sinceramente la notte alterno le posizioni e poi vado a stagioni, per esempio in inverno preferisco la posizione fetale, mentre in estate quella a stella marina.

    E voi invece come dormite?